Pinterest
SHARE
Designers

Giulio Ripamonti

1952 – 2013
Giulio Ripamonti è nato a Lecco nel 1952. Ha collaborato dal 1972 con Norbert Linke (Hochschule fur Gestaltung Of Ulm) frequentando “Product Design” nel settore degli elettrodomestici, meccanica di precisione (Philco, Weco Optical, Silma / Bosch, STD Dupont) fino al 1976 quando si è laureato in Architettura al Politecnico di Milano. Nel 1977 inizia la sua collaborazione con Carlo Bartoli, occupandosi della progettazione di mobili di serie, edilizia, arredo urbano e architettura interna per uffici, banche e palcoscenici. Ha disegnato con Carlo Bartoli i mobili componibili “Open” e “Mix” per Tisettanta, le cucine “Knock Down”, “990” ei mobili componibili “Odeon” per Arc Linea, i mobili per ufficio “Set 2” per Oscam, la cucina “Brera” per Ernestomeda e “Icaro” per Varenna, complementi d’arredo per Confalonieri. Successivamente con Carlo Bartoli e fino al 2009: sedie “Storm” e “Meet-Me”, il divano “Flores”, i tavoli “Yoga” per Segis e “Vanessa” per Bonaldo, la serie “Formae” e la maniglia “Gaia” per Design Colombo. Si è anche occupato di uffici, showroom e palcoscenici per Segis e Colombo Design. È presente alla mostra “Dal cucchiaio alla città” (Incontro ICSID, Triennale di Milano), nella manifestazione “Cucina in vetrina” ad Eurocucina, nel 1989 “Annuale dei designer di mobili” a lui dedicata nel mondo “Maestri” “. Nel volume “Carlo Bartoli – designer italiani”, viene sottolineata la consolidata collaborazione tra i due architetti. Ha collaborato con laminati Abet, Arc Linea, Agrati, Bonaldo, Bonacina, Confalonieri, Colombo Design, Con & Con, Deltacalor, Ernestomeda, Kristalia, Matteo Grassi, Lualdi porte, Oscam, Rivolta, Rossi di Albizzate, Sagsa, Segis, Tisettanta, Varenna – Poliform, Volvo, Ycami. Le sue opere sono pubblicate su: Living, Ambient, Home & Garden, Vogue House, Domus, Grand Baazar, Interior, Kitchen, Office Habitat, Office Project, Rehabilitation.

maniglie
Gaia